Dove trovarci: Viale C.Colombo 23 - 70017 - Putignano (BA) Contatti: 080 4051657

Intervista alla dott.ssa Carrozzo: Artriti e Atrosi, patologie dagli enormi impatti sociali

Quello della reumatologia è un ambito medico di estrema importanza. Sono infatti sempre più diffuse le patologie reumatiche e gli studi relativi alle terapie. Ne parliamo con la dott.ssa Norma Carrozzo, Dirigente Medico presso l’Asl Foggia Poliambulatorio del distretto di San Severo. La dott. Carrozzo è presente anche presso il nostro Centro Polimedico.

Qual è la natura delle malattie reumatologiche?

C’è da precisare che la natura di questa malattie si distingue in due importanti tipologie: quelle  infiammatorie ovvero le artriti e quelle di natura degenerativa ovvero le artrosi. E’ importante precisare che queste patologie ricoprono attualmente il terzo posto come incidenza di casi e il primo posto come casi di invalidità. Un aspetto infatti da tenere bene in considerazione è quello dei costi sociali elevati determinati da queste malattie che si traducono in perdita della capacità lavorativa e progressivo incremento dei costi di trattamento e di invalidità.

All’interno di questa differenziazione, quali sono i soggetti colpiti più frequentemente da queste malattie e che tipo di terapie vanno messe in atto?

Le artriti colpiscono maggiormente le donne tra i 40 e 50 anni. Vi è sicuramente una predisposizione genetica ma è chiaro che intervengono anche altri fattori che non necessariamente sono di natura ereditaria. Parliamo di virus, traumi, esposizione a sostanze tossiche ma anche dello stress che caratterizza il nostro vivere quotidiano. Le artrosi, invece, riguardano l’invecchiamento cartilagineo e sono collegati all’età avanzata e al sovraccarico funzionale, quindi anche il sovrappeso e l’obesità giocano un ruolo fondamentale. Per quanto riguarda gli approcci diagnostici, è importante fare esami di routine e specialistici  di laboratorio (esami del sangue) e indagini di radiologia, ecografie articolari per poi proseguire con il  trattamento farmacologico, consigli dietetici e fisiokinesiterapia.

Per quanto concerne le artriti, è importante diagnosticarla ed intervenire in fase precoce, cosa che riduce i rischi di danni permanenti ovvero nelle prime 12 settimane. I sintomi sono molto chiari: dolori diffusi delle articolazioni, rigidità al mattino, gonfiore di almeno 3 articolazioni, miglioramento della sintomatologa con il movimento. Il rischio è quello di vivere invalidi per anni. Per quanto concerne invece le artrosi, si tratta di un dolore delle articolazioni stimolato soprattutto dal carico e quindi migliora con il riposo.

Al centro Polimedico Eira, inoltre, è possibile fare la valutazione di screening per l’osteoporosi, le connettiviti (malattie infiammatorie autoimmuni) ed, infine, la valutazione della fibromialgia, il reumatismo extra articolare con dolore diffuso cronico associato a cefalea, disturbi intestinali, depressione e insonnia.